Con la grande popolarità che riscuotono i Social Network, non è strano che tutti vogliano essere ovunque. E’ una cosa che io suggerisco agli alunni del mio corso per Assistenti Virtuali, una sorta di “onnipresenza” che soprattutto agli inizi aiuta ad essere trovati e certamente anche con l’indicizzazione nei motori di ricerca.

Per un’Assistente Virtuale è abbastanza comprensibile essere presente in tutti i Social Network, soprattutto quando si specializza in servizi che hanno a che fare con il web marketing e il Social Media Marketing. Sinceramente, sarebbe molto strano e certamente non professionale che un potenziale cliente contatti un’Assistente Virtuale magari affinché gestisca il suo profilo di LinkedIn e che questa non abbia invece il suo profilo nel Social Network.

Col tempo comunque ci si accorge che bisogna ottimizzare, non solo per una questione di tempo, ma anche qualitativamente. Va bene avere account nei principali Social Networks, ma alcuni richiedono un impegno maggiore di altri e comunque bisogna considerare che non sono tutti uguali.

Il punto chiave è scegliere i Social Networks giusti per il tuo target di pubblico e diversificare il contenuto a seconda del social.

Come scegliere il Social Network giusto per la tua attività?

Conosci il tuo cliente 

Prima di sapere dove trovarlo, è indispensabile sapere CHI stai cercando 🙂

E’ molto diverso se il tuo cliente ideale è un avvocato o se è un coach. In linea di massima professionisti come gli avvocati frequentano di più LinkedIn mentre i Coach li trovi più facilmente su Facebook e Twitter.

Per identificare i canali tramite i quali i tuoi potenziali clienti comunicano occorre sapere cosa cercano. Avrai quindi bisogno di farne una sorta di ritratto: può essere utile a questo fine conoscerne professione, interessi, sesso, età, classe sociale, livello di istruzione, insomma creare un avatar.

Conosci i Social Network

Ovviamente come Assistente Virtuale il tuo canale è quello di Business to Business (cioè sei un business che si rivolge a un altro business). Lo troverai anche scritto B2B e LinkedIn è uno dei Social Network preferenziali per il B2B.

Chi invece ha un’attività che si rivolge direttamente al consumatore finale, quindi Business to Consumer (B2C) troverà più facilmente i suoi clienti su Facebook e Pinterest, mentre Twitter oscilla tra B2B e B2C (come si mostra in questa immagine la differenza è comunque poca).come-scegliere-social-network

Parlare in maniera esaustiva di ciascun Social Network, richiede ovviamente un post a parte, per cui ne parleremo la prossima settimana, ma intanto ti suggerisco di configurare l’avatar del tuo cliente ideale e cercare di capire quale Social Network frequenta.

Imposta una strategia

Come ho detto, è importante tener presente che i Social Networks non vanno usati a caso: bisogna impostare una strategia di comunicazione e promozione. Chiediti che cosa vuoi ottenere: più visite al tuo sito, più sottoscrittori alla tua lista, più contatti professionali?

In questo modo capirai se hai scelto i Social Networks giusti per il tuo tipo di attività e clientela e anche che tipo di contenuti pubblicare e anche se è il caso di investire in una campagna a pagamento.

Conclusioni

Perché il tuo business abbia i maggiori benefici possibili che possono dare i Social Networks, è necessario analizzare bene le caratteristiche e il tipo di pubblico per ognuno di essi.

Concentrando la tua presenza su quelli frequentati dal tuo pubblico target, la tua azione di promozione sarà mirata ed efficace!

La chiave è l’azione mirata: conoscere quali Social Networks frequentano e concentrarti su quelli. Una volta che li avrai identificati, inizia a usarli: ricorda che i Social Network si chiamano social perché si tratta di interagire, instaurare relazioni, non vendere.

L’80% circa di quello che pubblichi dovrebbe essere suddiviso in informativo, ispirazionale, interessante e piacevole, e solo il 20% dovrebbero essere contenuti che promuovano la tua attività. Cerca quindi di creare conversazione e partecipare alla conversazione, frequenta i gruppi e partecipa alle discussioni che si presentano per venire a conoscenza dei “temi caldi”, ossia quelli di maggior interesse per il tuo potenziale pubblico e soprattutto rispondi alle domande che vengono poste, in questo modo ti farai conoscere, iniziando a proporti come esperto nel tuo settore.

Qual è la tua esperienza con i Social Networks? Quale preferisci? Hai individuato dove si trova il tuo cliente ideale?

Condividi la tua esperienza con la community di AssistentiVirtuali.org!

The following two tabs change content below.
Mary Tomasso
Online Business Manager, imprenditrice seriale, co-founder e titolare di Virtualmente OU, autrice del primo corso in italiano per Assistenti Virtuali e del libro "Cambia Lavoro, Cambia Vita". Fornisco supporto e consulenza a professionisti, imprenditori e aziende che operano online e offline e formo altre persone nel percorso di creazione di una professione indipendente online.