assistente-virtuale-soluzione-crisiA seguito della crisi economica degli ultimi anni e la conseguente precarietà nel mercato “tradizionale” del lavoro, abbiamo assistito a dei cambiamenti importanti nel modo stesso di concepire il lavoro, che si traducono con l’emergere di nuove professioni.

Internet e i Social Networks sembrano essere la fonte principale alle quale attingere per generare nuove opportunità di lavoro e conseguentemente far emergere nuove professioni: esperti e consulenti in e-marketing, web designers, specialisti in marketing con reti sociali, ecc.

La principale preoccupazione di molti imprenditori e dirigenti aziendali, è di non poter investire in nuove risorse umane, il che rappresenta un rischio perché 1. Si trascurano o sottovalutano alcune attività per mancanza di personale; 2. Si sovraccarica di lavoro il personale esistente con conseguente calo del rendimento.

La risposta a queste preoccupazioni si trova in una delle più importanti figure professionali emergenti: l‘Assistente Virtuale (VA), figura che nasce per adattarsi ai nuovi profili imprenditoriali e per sopperire alle carenze riscontrabili nei settori più tradizionali.

Un’assistente virtuale (VA) non è una telelavoratrice, cioè una segretaria di direzione che svolge il suo lavoro da casa. Si tratta di un profilo di lavoratrice autonoma-imprenditrice, dotata di forti doti di intraprendenza, iniziativa e con una formazione che le attribuisce notevoli competenze in diversi settori.

Come può un’Assistente Virtuale essere la soluzione alla crisi?

E’ semplice! Un cliente che contratta un’assistente virtuale:

  1. Non dovrà fornire un ufficio, un computer, un telefono, software e cancelleria.

  2. Pagherà soltanto per le ore o i pacchetti di servizi concordati.

  3. Non dovrà pagare tasse, ferie, permessi o assenze per malattia.

  4. Non dovrà pagare risarcimenti per licenziamento: firmerà un contratto con la Sua assistente virtuale, e potrà terminare la relazione di lavoro nei termini stabiliti dal contratto.

  5. Disporrà di un braccio destro al quale potrà delegare tutte le attività che gli porterebbero via molto tempo o che lo costringerebbero ad assumere personale dipendente, e potrà così dedicarsi alla sua attività o alla sua azienda.

  6. Contratterà una persona esperta alla quale non occorre dire cosa fare, ma che anzi apporterà suggerimenti sul cosa delegare e come ottimizzare il lavoro.

Se vuoi scoprire quali sono le attività che possono essere delegate a un’assistente virtuale, quali servizi può offrire, etc., ti suggerisco la lettura dei post Cos’è un Assistente Virtuale?Quali servizi può offrire un’Assistente Virtuale?

Dimenticati della crisi, un’assistente virtuale ti farà risparmiare soldi e guadagnare tempo!

The following two tabs change content below.
Mary Tomasso
Online Business Manager, imprenditrice seriale, co-founder e titolare di Virtualmente OU, autrice del primo corso in italiano per Assistenti Virtuali e del libro "Cambia Lavoro, Cambia Vita". Fornisco supporto e consulenza a professionisti, imprenditori e aziende che operano online e offline e formo altre persone nel percorso di creazione di una professione indipendente online.