pilastri-social-mediaPer molte persone i Social Networks non sono un mistero, sanno perfettamente come districarsi nella rete, sia che siano specialisti, sia che siano neofiti che semplicemente per istinto o per emulazione, sanno come funziona la cosa.

Per altre invece è un po’ più difficile capirne i meccanismi…no problem! Non tutti abbiamo le stesse caratteristiche o gli stessi talenti, che noia sarebbe il mondo se fossimo tutti uguali!

Ho pensato quindi di preparare questo post in cui riassumo quelli che secondo me sono i 5 pilastri del Social Media Marketing, cioè le cose che bisognerebbe fare nei Social Networks per essere notati, far conoscere il proprio brand, attirare visite al proprio sito e, obiettivo finale, conquistare clienti.

Innanzitutto bisogna comprendere – e questo secondo me facilita le cose – che nei Social Networks stiamo entrando in contatto con altre persone. Anche se non abbiamo una risposta immediata da parte di chi ci legge e non conosciamo il nostro pubblico individualmente per nome, ci stiamo esponendo pubblicamente.

E’ un po’ come se tu, da esperto nel tuo settore, tenessi una conferenza. Non conosci tutti i partecipanti, ma quello che dici è pubblico: tutti ti possono vedere e sentire, e chi vuole può partecipare interagendo.

Ecco quindi quali sono le 5 cose che devi fare nei Social Networks per assicurarti l’attenzione del tuo pubblico.

1. Istruire. Chi ti legge vuole imparare qualcosa, perché sa che grazie a Internet e ai Social Networks può imparare di tutto: da come preparare un ragù a come risolvere un problema matematico. I contenuti istruttivi normalmente rispondono alla domanda “Come?”. Ad esempio “Come personalizzare la barra laterale in WordPress“, “Come evitare di boicottarsi ed iniziare ad agire“, etc. Una buona parte dei tuoi contenuti nei Social Network dovrebbe essere di natura istruttiva. Non è necessario che siano tuoi, anche se ti consiglio di creare il più possibile contenuti di questo tipo, ma se esaurisci tutte le riserve, puoi sempre condividere contenuti degli altri. Condividere vuol dire prendere qualcosa che ha pubblicato un’altra persona e pubblicarlo sul tuo profilo o la tua pagina in qualunque Social tu voglia, usando l’apposito bottone di condivisione. In questo modo, chi legge la tua pubblicazione saprà da dove viene e a chi appartiene e apprezzerà il fatto che tu sia una fonte di informazione istruttiva, anche se non tua.

2. Informare. Ancora una volta, i contenuti non devono essere necessariamente tuoi, a meno che tu non abbia un portale di notizie, ma è estremamente efficace per creare engagement e iniziare a creare una community di persone che ti seguono, che tu sappia informarli. Per esempio post che informino sulle nuove leggi sui cookie, sulla privacy, l’ultima novità dal blog di Facebook, il recente cambiamento di Google sull’indicizzazione, etc.

3. Intrattenere. Suona molto meglio in inglese: entertain. Ha a che fare con le pubblicazioni dai toni più leggeri, non necessariamente divertenti, ma che per un attimo ci distraggono e magari ci fanno sorridere. Possono essere video, immagini, infografiche, ma anche post come “Profili psicologici su Facebook“.

4. Ispirare. Questo aspetto ha a che fare con l’emozionale: ispirare altre persone vuol dire arrivare a toccare le loro vite. Anche se stiamo parlando di marketing, non penso che sia una cosa che dovrebbe essere fatta “per vendere”. Invece dovrebbe essere fatta genuinamente, dal cuore, con il desiderio di aiutare altre persone. I Social Networks sono pieni di persone o personaggi che hanno acquistato popolarità ispirando gli altri a cambiare le loro vite, certo per lo più queste persone lo fanno come professione, e quindi pubblicheranno maggiori contenuti di questo tipo, ma chiunque può condividere la storia di Nick Vujicic, per esempio, e ispirare altre persone ad amare la propria vita! Si possono quindi pubblicare frasi motivazionali, oppure raccontare storie ispiratrici proprie o di altre persone.

5. Interagire. Questo punto è spesso trascurato, soprattutto da chi è agli inizi. Ho visto e continuo a vedere tanti casi di persone che fanno monologhi nei Social Networks, magari pubblicando esclusivamente materiale informativo e istruttivo, ma comunque senza metterci mai niente di sé. Non limitarti a pubblicare un link dove si parla della cookies policy: di cosa ne pensi tu e chiedi cosa ne pensano i tuoi contatti o fans. Commenta le pubblicazioni di altre persone, partecipa nei gruppi aiutando altre persone. In poche parole… crea relazioni umane, anche se usi i Social Networks per lavoro, non ti dimenticare che dall’altra parte ci sono persone!

Questi secondo me sono gli aspetti più importanti da considerare nei Social Networks e credo che pubblicando tutti questi tipi di contenuti, si crea engagement e col tempo si guadagna anche il “diritto a vendere”, pubblicando quindi contenuti per così dire pubblicitari. Ricorda però che i Social Network non hanno come obiettivo primario la vendita!

Se ti viene in mente qualche altro aspetto fondamentale nei Social Networks, fammelo sapere nei commenti!

The following two tabs change content below.
Mary Tomasso
Online Business Manager, imprenditrice seriale, co-founder e titolare di Virtualmente OU, autrice del primo corso in italiano per Assistenti Virtuali e del libro "Cambia Lavoro, Cambia Vita". Fornisco supporto e consulenza a professionisti, imprenditori e aziende che operano online e offline e formo altre persone nel percorso di creazione di una professione indipendente online.