Anche se alcune delle persone che mi scrivono mi fanno domande tecniche, ad esempio relative alla posizione fiscale per avviare un’attività di assistenza virtuale, o a come trovare clienti, a quali servizi offrire, etc., molte delle persone che mi contattano mi raccontano parte della loro vita e mi chiedono consigli su come iniziare, considerando la loro situazione attuale.

Non tutti mi dicono chiaramente “Ho paura di mollare il posto fisso”, ma è implicito quando mi dicono che hanno un mutuo, che sono mamme single con un figlio a carico… A nessuno di loro consiglierei di mollare tutto e avere fede nella Provvidenza: ci sono situazioni che rendono il mollare tutto più semplice di altre e ognuno di noi dovrebbe fare le proprie scelte, anche quelle più difficili, quando è davvero convinto.

Se al di là della tua situazione attuale, più o meno facile, ti rendi conto che quello che ti blocca è la paura, vorrei condividere con te quello che ho imparato e fatto per superare la paura, nella speranza che possa esserti utile.

In base alla mia esperienza ecco 3 cose che ti aiuteranno a sconfiggere la paura.

Conosci la tua paura

Occorre comprendere che la paura è un meccanismo fisiologico comune a tutte le specie animali, che ha l’obiettivo di salvaguardare la specie, di evitare qualunque situazione che possa in qualche modo rappresentare una minaccia per la sua sopravvivenza.

Questa paura è nostra amica, da milioni di anni mantiene viva la nostra specie.

Esiste poi una paura che non è fisiologica, ma che è influenzata da false convinzioni o convenzioni sociali. Ad esempio “Lasciare il posto fisso? Cosa diranno gli altri?”

Il primo tipo di paura, quella fisiologica, è utile, il secondo tipo invece ci impedisce di crescere, di uscire dalla zona di comfort per provare a percorrere nuove strade che potrebbero aprirci a nuove opportunità.

Distinguere se la tua paura è “amica” o invece ti sta boicottando, è molto semplice: chiediti che cosa hai da perdere.

Se hai una famiglia a carico, o se sei solo, ma tutta la tua vita dipende dal tuo stipendio, devi pagare un mutuo, un affitto, hai delle spese fisse, devi mangiare, etc., allora la tua paura di abbandonare un posto fisso e metterti in proprio è giustificata.

Il prezzo che avresti da pagare è molto alto, ne va della tua stessa sopravvivenza, quindi la tua scelta di metterti in proprio potrebbe essere avventata e rischiosa.

Ma non preoccuparti, non è la fine, c’è sempre una soluzione, abbiamo sempre un’alternativa!

Se ti trovi in questa situazione, ti consiglio di iniziare con la tua attività di assistenza virtuale o qualunque altra attività online, in maniera parallela. Infatti le attività online si prestano ad essere svolte part-time, anche per sempre, perché no? Conosco diverse assistenti virtuali che lo fanno part-time. Col tempo puoi sempre trasformarla nella tua attività principale, o magari ti rendi conto che non riesci a gestire entrambe e lasci stare, ma non avrai perso nulla, tutt’al più avrai investito del tempo per capire meglio cosa vuoi fare.

Se invece ponendoti la domanda “Cosa ho da perdere”, ti rendi conto che non è poi così tanto, che tagliando qualche spesa, modificando un pochino il tuo stile di vita, riesci comunque a coprire le tue spese principali, allora lanciati!

Connettiti con la tua passione

La paura, come tutte le emozioni,  tende a offuscare tutto il resto. Così come quando siamo arrabbiati e non vogliamo sentire ragione, quando abbiamo paura ci focalizziamo sulla paura e dimentichiamo tutto il resto. Dimentichiamo chi siamo, qual è la nostra passione, qual è lo nostro scopo nella vita.

Se non conosci la tua passione, prova a chiederti cosa faresti se i soldi non fossero un problema. Probabilmente risponderai “viaggiare” (l’ho sentito spesso), ma questo non è sufficiente. Viaggiare è spesso la risposta di chi è troppo stressato e ha bisogno di evadere, ma in tutta sincerità sono poche le persone che nella loro vita l’unica cosa che fanno è viaggiare. E’ vero che esistono, ma sono persone che rinunciano a molte comodità  e affrontano la vita proprio come un lungo viaggio, vivendo alla giornata. Se questa è la tua idea, ti suggerisco la lettura di “Noi felici senza un soldo in tasca. Ecco come vivere a zero euro”.

Ma se questa non è la tua idea, allora continua a cercare dentro di te. Magari hai bisogno di un viaggio, o magari puoi coniugare lavoro e viaggio, ma cosa ti appassiona veramente? Il web marketing? Lo Yoga? La cucina? La matematica? Tutti abbiamo una passione che ci muove e ci motiva, e come diceva Steve Jobs

Se non l’hai ancora trovata, continua a cercare, non ti accontentare, perché come per tutte le questioni di cuore, saprai quando lo avrai trovata

Crea un piano d’azione

Un modo per ingannare la paura, o meglio ingannare la mente distraendola dalla paura, è quello di pianificare. Se occuperai il tuo tempo nella pianificazione di una nuova attività, la tua mente transiterà dalla paura all’entusiasmo, o comunque alla motivazione e azione. Presto ti dimenticherai della paura e non ti ricorderai nemmeno di cosa avevi paura!

Scrivi o crea una mappa mentale partendo dalla tua passione e individuando tutti gli step necessari per la realizzazione del tuo sogno.

Qualunque sia il metodo che decidi di usare, ricorda che l’importante è estrapolare dalla mente i tuoi pensieri, progetti, le tue idee, per creare una risorsa materiale di supporto alla quale potrai attingere sempre. E’ un po’ come per una ricetta di cucina: la prima volta che prepari un nuovo piatto, avrai bisogno di una ricetta scritta, perché difficilmente la mente memorizzerà tutti gli ingredienti, le dosi, il procedimento. Col tempo avrai imparato la nuova ricetta e potrai farla senza l’ausilio di un testo.

Il tuo nuovo progetto è come una ricetta: la mente non può sostenere tutte le nuove idee, che poi aumenteranno, un’idea porterà a un’altra e il risultato sarà solo una gran confusione.

Allora scrivi la tua ricetta per un nuova vita e piano piano riuscirai a crearla!

The following two tabs change content below.
Mary Tomasso
Online Business Manager, imprenditrice seriale, co-founder e titolare di Virtualmente OU, autrice del primo corso in italiano per Assistenti Virtuali e del libro "Cambia Lavoro, Cambia Vita". Fornisco supporto e consulenza a professionisti, imprenditori e aziende che operano online e offline e formo altre persone nel percorso di creazione di una professione indipendente online.