evitare-boicottarsi-e-passare-all-azionePerseguire il perfezionismo è una caratteristica molto diffusa nell’essere umano, ma poiché è risaputo che niente è davvero perfetto, può essere un’arma a doppio taglio e un grande ostacolo all’azione.

Come per tutte le cose, sono convinta che esiste una via di mezzo: dobbiamo perseguire quella che secondo noi è la perfezione, cioè fare qualcosa nel miglior modo possibile in base alle nostre capacità e i nostri sforzi.

Ma quando continuiamo a girare e rigirare su una foto per Facebook, un post per il blog, il nostro sito, una presentazione, un infoprodotto, ecc. rischiamo di non passare mai all’azione e così di boicottarci.

Arriva un momento in cui è “meglio fatto che perfetto”.

L’ho vissuto in prima persona, l’ho visto con clienti e con alunne del corso per Assistenti Virtuali: continuare a cambiare un testo 100 volte, grassetto, corsivo, maiuscolo, questa parola no, quest’altra sì…E intanto il tempo passa e non si passa all’azione!

Ho capito che è un forma di auto-boicottaggio, un modo per non mettersi in gioco perché in un certo senso non ci si sente adeguati, è una forma occulta di bassa autostima.

Non è questo il luogo per ampliare questo campo ai confini tra psicologia e coaching, la mia intenzione è dare qualche suggerimento su come evitare di boicottarsi e passare all’azione!

  • Analizza la situazione. Sia che stiamo parlando della creazione del tuo sito web, o di un report gratuito, o di qualunque attività tu decida di intraprendere, cerca di analizzarla con occhio critico e obiettivo. A tal fine potrà esserti utile osservare cosa sta facendo la concorrenza. Il tuo “prodotto” è veramente così disastroso rispetto alla concorrenza? Davvero non c’è speranza oppure sei eccessivamente esigente? Se ti rendi conto che non è così disastroso e che c’è speranza, allora sai che puoi continuare a fare delle modifiche, apportare dei cambiamenti fino a che non sarà perfetto per te, ma senza perdere troppo tempo. Se invece è disastroso e senza speranza, passa al punto 2.
  • Delega. Se davvero ti rendi conto che non puoi creare un “prodotto” che soddisfi i tuoi standard e sia all’altezza del mercato e i tuoi concorrenti, allora delega! Risparmierai molto tempo affidandoti a un professionista che sa quello che fa e vedrai che il risultato sarà perfetto secondo i tuoi standard.
  • Stabilisci chiaramente obiettivi. Se ad esempio vuoi lanciare un infoprodotto, ma continui a girare e rigirare sui contenuti, le immagini, il fondo delle presentazioni per il video e dettagli di questo tipo, il lancio del tuo prodotto ritarderà in eterno, sarà come la tela di Penelope! Stabilisci fin dall’inizio quali sono i tempi limite per la presentazione del progetto in modo da poter seguire un piano.
  • Attieniti al piano. Qui ci vuole un po’ di autodisciplina: far zittire la vocina che ti dice “Cambia questo font, metti questo di un altro colore, cambia il testo…” può essere difficile, ma non impossibile! Se stabilisci obiettivi chiari e pianifichi i tempi (ovviamente tutto per iscritto), vedrai che la vocina che ti dice “Oggi è la data prevista per terminare questa presentazione…” sarà più forte e col tempo diventerà un’abitudine seguire una pianificazione.
  • Chiedi pareri. Se proprio sei di quelli che pensa che quello che fa non va mai bene, potrà esserti utile chiedere pareri alle tue cerchie di conoscenti, soprattutto a quelli che sai che possono essere più obiettivi e critici – positivamente critici, non demolitori professionali!! -. Ti potrà essere utile anche chiedere parere nei Social Networks perché lì sai che puoi trovare un po’ di tutto, chi sarà più obiettivo e chi più di parte. Questo ti aiuterà a capire che tutto sommato non stai facendo le cose così male.

Ma forse la cosa più importante è avere una forte motivazione ad ottenere un determinato risultato, con questa stai sicuro che farai le cose in maniera eccellente e ne sarai anche più che soddisfatto!

Tu sei un inguaribile perfezionista o preferisci passare all’azione senza curarti più di tanto dei piccoli dettagli?

 

The following two tabs change content below.
Mary Tomasso
Online Business Manager, imprenditrice seriale, co-founder e titolare di Virtualmente OU, autrice del primo corso in italiano per Assistenti Virtuali e del libro "Cambia Lavoro, Cambia Vita". Fornisco supporto e consulenza a professionisti, imprenditori e aziende che operano online e offline e formo altre persone nel percorso di creazione di una professione indipendente online.