individuare clienti

Chi sono e come individuare i clienti di un’Assistente Virtuale

Il timore maggiore, quando si diventa Assistente Virtuale, è quello di non riuscire a trovare clienti. Ma qual è il modo migliore per trovarli?  Non esiste un modo migliore o peggiore, ma è questione di grande pazienza, forte motivazione e metodo.

Una grossa differenza è data dai Paesi ai quali si pensa di rivolgersi. La professione di AV di per sé non ha confini, soprattutto quando si parlano altre lingue, oltre alla propria lingua madre. Tuttavia, non tutti i Paesi sono pronti ad affrontare le novità e i cambiamenti; in Italia, per esempio, si dice “cercare il lavoro”, ma, in realtà, c’è la tendenza ad aspettare che sia il lavoro a trovare noi.

Non è un caso che questa professione sia nata negli Stati Uniti, dove la filosofia del lavoro è profondamente diversa da quella italiana. Infatti, in Italia vige da sempre la cultura del cosiddetto “posto fisso”: si entra in un’azienda da diplomati/laureati e si esce per andare in pensione, magari dopo aver fatto una carriera tutto sommato soddisfacente, ma con un’esperienza monotematica, perché fatta unicamente in quell’ambito aziendale.

Un’Assistente Virtuale  deve invece ragionare in maniera diversa. Trattandosi di un lavoro imprenditoriale, incentrato sulla propria professionalità, formazione, competenze e aggiornamento continui sono essenziali per la buona riuscita dell’attività.

E’ indispensabile, quindi, cambiare la mentalità e l’approccio al lavoro. Questo è il primo passo importante che permetterà di compiere anche il secondo, ovvero la ricerca del proprio mercato di riferimento e dei clienti.

Cominciare da clienti che già operano nel web

E’ necessario  rivolgere la propria attenzione a quei mercati che possono adattarsi perfettamente ad una collaborazione virtuale, perché il business stesso si svolge online. Parliamo di  imprenditori e liberi professionisti che hanno nel web il loro ufficio o la vetrina del loro negozio, dove “espongono” e vendono i loro prodotti (corsi online, ebooks), gestiscono siti di e-commerce, confidando nella potenzialità di internet.

Questi sono i clienti ideali di un’Assistente Virtuale perché capiscono l’attività, la parola “virtuale” non li spaventa perché loro fanno già parte di quel mondo e sono quindi disposti ad accettare di lavorare con una professionista che probabilmente non vedranno mai “dal vivo”, ma unicamente via skype.

In definitiva, la ricerca di clienti per un’Assistente Virtuale deve essere attiva, non passiva, contattando direttamente professionisti ed imprenditori, proponendo il proprio aiuto e la propria professionalità che dovrà quindi essere sempre al top, garanzia migliore per dare al cliente la certezza di compiere la  scelta giusta.

The following two tabs change content below.