Siamo abituati a pensare al lavoro come a qualcosa di sacrificante, che ci costringe a fare delle rinunce ed ad quale dobbiamo in qualche modo sottostare e trovare dei compromessi.

Certo, visto da questa prospettiva è davvero triste. Però bisogna costantemente credere che è sempre possibile migliorare, basta volerlo fermamente.

Se diamo un’occhiata alle biografie delle persone che hanno ottenuto grandi successi ci accorgiamo presto che non si trattava di persone particolarmente fortunate e per le quali le cose andavano sempre bene, che si trovavano al riparo di ogni imprevisto e difficoltà. Niente di tutto questo. Ciò che le caratterizza è la tenacia, la capacità di reagire con determinazione di fronte agli imprevisti. Anche alle difficoltà peggiori.

Mi ha affascinato la storia di Ole Kirk Christiansen, fondatore della Lego, che prima di arrivare al successo ha affrontato davvero tante difficoltà lavorative e personali, ma è riuscito nel suo intento non abbattendosi davanti alle difficoltà.

Senza la pretesa di fare cose straordinarie, la professione di assistente virtuale è un’attività che ci permette di costruire il nostro personale successo in campo lavorativo conciliandolo con le nostre esigenze personali.

Sì, perché si tratta di un’attività versatile, modellabile alle nostre esigenze, che di siano restare accanto ai figli per le mamme, di non voler sottostare ad orari fissi e vincolanti e preferire invece lavorare per obiettivi o qualsiasi altra necessità.

Ma cos’è che ci trattiene dal decidere di fare qualcosa per migliorare la nostra situazione lavorativa?

Quello che in genere ci trattiene dal fare qualcosa è ricollegabile alla paura del giudizio degli altri e al fare un salto verso qualcosa che non si conosce.

Questo vale per chiunque, compreso chi desidera diventare assistente virtuale ma procrastina perché non sa cosa l’aspetta.

Certo non sarà una passeggiata, ma a tutto c’è la giusta soluzione.

La paura dell’ignoto

Liberarsi dalle abitudini, dalla certezza di uno stipendio fisso a fine mese, di un lavoro in cui so sempre esattamente cosa devo fare e diventare assistente virtuale o iniziare a fare una professione completamente diversa sotto questi aspetti perché dipende totalmente da me, dalle mie capacità organizzative e decisionali e dalla mia intraprendenza non è per tutti!

Se ti trovi bene della tua situazione di lavoratrice dipendente e ti spaventano il cambiamento e l’autonomia di prendere decisione, allora un’attività autonoma non fa per te. Se tutto questo invece ti affascina, ti intriga e ti stai chiedendo se e come potresti riuscirci, allora prendila in considerazione seriamente!

Le certezze del lavoro dipendente sono solo apparenti, oggi anche le multinazionali chiudono all’improvviso o riducono il personale.

Assistente virtuale: un lavoro adattabile alle tue esigenze

In che modo l’attività di assistente virtuale si adatta alle mie necessità?

Il bello di questo lavoro è che si può lavorare da ovunque e non si è costretti a recarsi ogni giorno in ufficio perdendo tempo nel traffico per raggiungere il posto di lavoro. Anche il contatto col cliente non è diretto ma “virtuale”, appunto.

E se è proprio il contatto col cliente che ti manca non puoi essere assistente virtuale? Assolutamente no! Puoi sempre rivolgerti a clienti vicini, che vivano nella tua zona anziché in qualsiasi parte del mondo ed avere in questo modo la possibilità di incontrarli di tanto in tanto.

Al contrario, non vuoi proprio incontrarli di persona? Ci sono infiniti strumenti per evitare tutto questo, utilizzando skype, hangouts o ogni altro strumento che ti consenta di comunicare online.

Passaparola online e offline

Il passaparola rimane uno strumento molto importante per trovare contatti. Anche in questo caso l’assistente virtuale può decidere quale canale preferisce e anche di utilizzarli in sinergia.

Se preferisci concentrarti sul contatto virtuale utilizzerai soltanto o prevalentemente strumenti digitali per farti conoscere e proporre i tuoi servizi e il tuo nome si diffonderà online.

Se invece decidi di cercare contatti anche offline potrai munirti di bigliettini da visita, volantini esplicativi della tua attività è una bella presentazione da sottoporre a chi ti chiede “che lavoro interessante che ti sei inventata, ma mi spieghi bene cos’è?”

Ovviamente se decidi di incontrare personalmente i tuoi clienti è opportuno cercarli in zona per evitare di girare in macchina come una trottola. A tal proposito torna utile contattare associazioni di categoria, che ti mettono potenzialmente in contatto con tutti gli associati.

E’ essenziale in questo caso “fare colpo” sul responsabile dell’associazione che ti riceve, che ha poco tempo da dedicarti e magari è anche diffidente verso le novità, quindi è basilare prepararti con cura prima dell’incontro, essere chiara e andare dritto al punto spiegando che tipo di problemi risolvi e come.

Partecipare ed organizzare eventi per far conoscere la tua attività di assistente virtuale nella tua zona è un’ulteriore proposta che si sposa bene con la predilezione di contattare direttamente i propri potenziali clienti.

Un altro modo per coltivare rapporti personali diretti è partecipare ad incontri tra imprenditori appartenenti a settori diversi. Questo ci aiuta, soprattutto all’inizio, a capire di cosa hanno bisogno le persone, capire come potremmo noi aiutarli a raggiunger i loro obiettivi e quale potrebbe essere per loro il vantaggio di collaborare con un’assistente virtuale.

Naturalmente anche per raggiunge questo obiettivo non prescindiamo dal web e le stesse informazioni potremmo ottenerle partecipando a forum o gruppi online. Dipende sempre da come decidiamo di volerci muovere.

Tutto dipende da noi

Le giustificazioni che troviamo per non fare qualcosa in realtà sono soltanto paure e non ci fermiamo mai a riflettere che solo superando queste paure possiamo aprirci a fantastiche opportunità, e questo vale per ogni aspetto della nostra vita.

Hai mai pensato a quante porte ti chiudi assecondando paure che spesso non hanno ragione di essere?

The following two tabs change content below.
Assistente Virtuale. Collaboro con professionisti e piccoli imprenditori da remoto e per incarichi, dandogli la possibilità di dedicare più tempo alla loro attività principale per raggiungere più agevolmente i loro obiettivi lavorativi. Autonomia, versatilità e continuo aggiornamento sono le caratteristiche che rendono il mio lavoro appassionante e stimolante.

Latest posts by ileniafiliaggi (see all)